ANELLI DI CALAMARI FRITTI

Gli ANELLI DI CALAMARI FRITTI sono uno dei fritti di pesce più buoni e più richiesti. Per essere veramente buono un fritto di calamari deve essere bello dorato e croccante, ma il calamaro deve essere morbido e non gommoso, come qualche volta accade. Il segreto per un fritto fatto a regola d’arte è tutto nella cottura e nella temperatura dell’olio, che deve rimanere sempre alta. Adesso vediamo insieme la ricetta e vedrete che la prossima volta che farete i calamari fritti riceverete un grande applauso, parola di Ginetta!

anelli di calamari fritti

INGREDIENTI
 
(Per 2 persone)
 
  • 2 calamari freschi
  • farina
  • olio di semi di arachidi per friggere
  • sale

PROCEDIMENTO
 
Quando compriamo i calamari chiediamo al nostro pescivendolo di farci la cortesia di pulirli.
 
Una volta a casa, togliamo le ali che hanno ai lati e poi tagliamo la sacca ad anelli.
 
 
anelli di calamari fritti
anelli di calamari fritti

Facciamo attenzione a pulire bene il fondo della sacca, dove spesso rimane ancora qualche traccia di interiora.

Poi tagliamo grossolanamente i tentacoli, così non ci sarà la lotta per accaparrarseli e tutti ne avranno una parte!

anelli di calamari fritti

Ora risciacquiamo bene il tutto, poi prepariamo una ciotola con la farina e un colino grande oppure un setaccio.

Dopodiché mettete a scaldare l’olio di semi di arachide.

Prendete ora un po’ di anelli di calamaro alla volta, metteteli nella ciotola con la farina e infarinateli abbondantemente.

anelli di calamari fritti

Passateli quindi nel setaccio e fate scendere tutta la farina in eccesso.

anelli di calamari fritti
anelli di calamari fritti

Intanto l’olio avrà raggiunto la giusta temperatura circa 185°C e allora tuffiamoci pochi anelli di calamari alla volta. Dobbiamo friggerne pochi alla volta per non abbassare la temperatura dell’olio.

anelli di calamari fritti

È importante sapere che i calamari devono cuocere per pochi istanti, altrimenti diventano duri e gommosi. La forte temperatura dell’olio formerà in pochi istanti una crostina dorata, lasciando morbido il calamaro.

Appena vedete che i calamari hanno un colore leggermente dorato, scolateli su carta assorbente, ma non mettete il sale che andrà aggiunto solo a fine frittura.

anelli di calamari fritti

Prima di friggere gli altri calamari, aspettate sempre che la temperatura dell’olio si rialzi.

A fine frittura aggiungete il sale a vostro piacimento e buon appetito con questi anelli di calamari fritti.

anelli di calamari fritti

______________________________________________________________

SUGGERIMENTI

➡️ MI RACCOMANDO i calamari, come anche le seppie, per gustarli morbidi, devono cuocere pochissimo.

➡️ Friggete in una pentola dai bordi alti e non tanto larga e con olio profondo.

➡️ I celiaci possono sostituire la farina con il semolino.

➡️ Vi ricordo che in frittura il sale va aggiunto sempre alla fine, per non farlo ammorbidire, perché il sale tira fuori l’acqua.

➡️ Il fritto va gustato sempre bello caldo.

___________________________________________________________

Ti piacciono i fritti?

Prova anche queste ricette:

ALICI FRITTE CON PANATURA AROMATICA
FRITTO CAVOLFIORE E GAMBERI CON FARINA DI RISO
GAMBERI IN GABBIA DI ZUCCHINE
FIORI DI ZUCCA FRITTI IN PASTELLA
FINOCCHI FRITTI PANATI
ZUCCHINE FRITTE DORATE E CROCCANTI
DADINI DI PATATE FRITTE AGLIO E ROSMARINO
FIORI DI ZUCCA FRITTI AL NATURALE
COTOLETTE DI FOGLIE DI BORRAGINE
COTOLETTE DI ZUCCHINE TONDE
DADOLATA DI MELANZANE FRITTE E MARINATE

la cucina di ginetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.