KEFIR PREPARATO IN CASA

Avevo sentito sempre parlare di kefir ma non lo avevo mai assaggiato, finché una mia carissima amica non mi ha donato un po’ dei sui grani per iniziare anche io la produzione del KEFIR PREPARATO IN CASA.

Il kefir nasce come bevanda fermentata caucasica ricca di fermenti lattici e con tante proprietà benefiche come ad esempio contrastare l’osteoporosi, aumentare le difese immunitarie, regolarizzare l’intestino, inoltre fa bene alla pelle, aiuta nel controllo del peso e potrei continuare ancora…

Inizialmente avevo quasi timore a toccare questi strani grani che assomigliano un po’ ad un cavolfiore. Poi ho preso confidenza e capisco ad occhio quando è arrivato il momento di filtrare questo prezioso liquido.

Nel frattempo i kefiran, così si chiamano i grani che producono il kefir, si riproducono e potranno essere poi adottati da qualcun altro che ha la pazienza di coltivarli e la voglia di avere sempre il kefir pronto in casa.

kefir preparato in casa


INGREDIENTI
 
  • 300 gr di latte intero
  • 30 gr di grani di kefir
  • un barattolo di vetro
  • un passino di plastica
  • un cucchiaio di plastica
  • un tovagliolo di carta
  • un elastico

 
PROCEDIMENTO
 
Una cosa importante da sapere è che i grani vanno toccati solo con un cucchiaio di plastica, vanno messi in un barattolo di vetro che deve essere coperto con un tovagliolino di carta o un tessuto tenuto da un elastico, perché il kefir deve respirare. 
 
Io ho iniziato la produzione di kefir con 30 gr di grani. La proporzione consigliata è di 1:10, quindi su 30 gr di grani di kefir ho messo 300 gr di latte intero, ho coperto il barattolo e ho lasciato fermentare in un luogo fresco, lontano da fonti di calore e possibilmente con poca luce.
 
Va lasciato fermentare dalle 24 alle 48 ore fino a 72 ore, ma non oltre.
 
La fermentazione dipende molto dalla temperatura che abbiamo in casa,
ad esempio ho notato che in estate, con una temperatura in casa di circa 25°C, la fermentazione avviene anche dopo solo 14 ore e ce ne accorgiamo perché vediamo che il siero si separa dal latte.
 
kefir preparato in casa

MA VEDIAMO INSIEME COME SI FA!

Quando mi è arrivato, in questo barattolo di vetro, il kefir era già fermentato e si era separato il latte dal siero

Allora togliamo il tovagliolo di carta e diamo una mescolata per emulsionare di nuovo il siero con il latte fermentato e lo lasciamo fermentare ancora in base al nostro gusto.

Infatti, più lo lasciamo fermentare più prenderà un sapore acido e quasi frizzantino. Io preferisco un sapore meno acido e lo faccio fermentare solo per 24 ore.

A fermentazione avvenuta arriva il momento di filtrare il latte con un colino di plastica, poco alla volta, e mescolando delicatamente con un cucchiaio di plastica per fare scendere il kefir.

kefir preparato in casa

Quando avremo filtrato tutto il latte fermentato, ecco come appariranno i nostri grani di kefir, che come potete vedere assomigliano ad un cavolfiore!

kefir preparato in casa

Sotto ecco la nostra bella ciotola di kefir preparato in casa appena filtrato.

kefir preparato in casa

La consistenza del kefir è liquida con un lieve accenno di densità, tipo lo yogurt da bere.

Adesso laviamo e asciughiamo il barattolo di vetro che lo aveva contenuto, lo mettiamo sulla bilancia, facciamo la tara, poi ci mettiamo i grani di kefir e vediamo quanto pesano.

kefir preparato in casa

Come potete vedete sono 38 gr quindi ora aggiungerò 380/400 gr di latte intero (ricordo che la proporzione consigliata è 1:10).

kefir preparato in casa

Adesso non ci resta che coprire con il tovagliolo di carta fermato da un elastico e riporre nel posto che abbiamo scelto per lasciarlo fermentare di nuovo.

kefir preparato in casa

Dopo ogni fermentazione dobbiamo ripetere l’operazione precedente, pesando ogni volta i grani, che nel frattempo saranno aumentati, e adeguare la giusta quantità di latte.

Se sappiamo che per un periodo di tempo non possiamo accudire il nostro kefir possiamo congelarlo mettendo i grani coperti da un po’ di latte nel barattolo di vetro chiuso con il coperchio e mettere nel freezer.

Quando lo vogliamo riattivare lo togliamo dal freezer, lo facciamo acclimatare, buttiamo il latte che lo ha conservato e ricominciamo da capo pesando i grani e aggiungendo il latte che servirà a produrre altro kefir preparato in casa.

kefir preparato in casa

SUGGERIMENTI

➡️ Molto importante è la pulizia nel preparare il kefir e fare molta attenzione che non restino tracce di sapone quando laviamo i contenitori e oggetti usati nel prepararlo.

➡️ Quando i nostri grani aumenteranno, possiamo donarne una parte a chi lo desidera.

➡️ I grani possono essere anche mangiati.

➡️ Si può usare anche latte a lunga conservazione, sia intero che parzialmente scremato. Però il kefir fatto con il latte fresco e intero è sicuramente migliore e i grani si manterranno più a lungo in salute.

➡️ Non mettiamo il kefir a fermentare in frigo.

➡️ Lo possiamo congelare, ma non mettere in frigo.

➡️ La bevanda filtrata va conservata in frigo per diversi giorni.

➡️ Il kefir va bevuto freddo.

Scrivetemi per altri consigli ➡️ info@lacucinadiginetta.it

______________________________________________________________________________

Ti è piaciuto fare il kefir?

Prova anche queste ricette per il formaggio fatto in casa:

FORMAGGIO FRESCO SPALMABILE
RICOTTA FRESCA FATTA IN CASA
la cucina di ginetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.